Le mascherine FFP2 sono lavabili?

Le mascherine chirurgiche, quelle di comunità, mascherine con filtro sostituibile, FFP3, FFP2 sono lavabili?  Sono tante le alternative in commercio per proteggere le vie respiratorie dalla diffusione del virus Covid-19. L’efficacia di ciascuna alternativa è differente e rimandiamo a un articolo di approfondimento futuro. 


Qui vogliamo affrontare il dubbio, sempre più ricorrente, se le mascherine FFP2 siano lavabili oppure no. La confusione è lecita date le tante alternative. Stiamo parlando di sicurezza, protezione, salute nostra e dei nostri cari e quindi avere informazioni certe è necessario.

Le mascherine FFP2 sono lavabili e riutilizzabili?

Le FFP2 sono lavabili e riutilizzabili?

Le mascherine FFP2  al di là degli strati di cui sono fatte, sono composte in parte da tessuto e in parte da apposito materiale filtrante.  Nascono per l’uso in ambito industriale e sono concepite per essere efficaci per la durata di 1 turno di lavoro, ossia 8 ore. 


Se vi state ancora domandando se le mascherine FFP2 sono lavabili la risposta è no per la maggior parte di esse.  Nate in ambito industriale, la norma ha previsto anche la possibilità di FFP2 riutilizzabili. Queste hanno la sigla R invece che NR, ma raramente si trovano in commercio. Si ricorda inoltre che  la capacità filtrante si riduce nel tempo. Inoltre l’INAIL specifica che i DPI “devono essere sostituiti se risultano danneggiati o se la resistenza respiratoria diventa eccessiva.”
 
Se volete approfondire, la norma tecnica di riferimento è la UNI EN 149:2009. La norma indica i requisiti minimi per le semimaschere filtranti antipolvereutilizzate come dispositivi di protezione delle vie respiratorie, affinché assicurino le caratteristiche di efficienza, traspirabilità, stabilità della struttura attraverso prove e test tecnici.

Le mascherine chirurgiche sono lavabili?

Per quanto riguarda le mascherine chirurgiche esse non sono lavabili. Le mascherine chirurgiche sono sempre monouso. La norma di riferimento per esse, la UNI EN 14683:2019 non fa alcun riferimento alla loro  riutilizzabilità o lavabilità.

DPCM 14 gennaio 2021

Il  DPCM 14 gennaio 2021 conferma l'obbligo di indossare le mascherine sia all’aperto che nei luoghi al chiusi diversi dalle abitazioni private.

Sono esenti dall’obbligo di indossare la mascherina i bambini con meno di sei anni e le persone con patologie o disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina. Anche chi assiste/interagisce con persone con tali disabilità non hanno l’obbligo di indossare le mascherine o i DPI.

L’uso della mascherina non è obbligatorio quando si sta facendo sport.



In conclusione

  • I DPI FFP2 e FFP3 sono studiate per avere la durata di un turno di lavoro ossia 8 ore
  • La norma di riferimento per le semimaschere filtranti antipolvere è la UNI EN 149:2009
  • La sigla NR sulle FFP2, FFP3 e FFP1 significa “non riutilizzabili”
  • L’INAIL specifica che i DPI “devono essere sostituiti se risultano danneggiati o se la resistenza respiratoria diventa eccessiva