Variante Delta: cosa c’è da sapere

La variante Delta è una variante del Covid-19 che desta da tempo preoccupazione. Per la sua forte trasmissibilità, l’OMS ha, sin dalla sua prima comparsa, attivato un costante monitoraggio per vederne la diffusione. A oggi risulta presente in 96 paesi nel Mondo tra cui l’Italia.  Rispetto al Covid che siamo abituati a conoscere, questa variante ha una forza maggiore di propagazione e gli effetti sono più grave. 

La Delta è solo una delle varianti che si stanno diffondendo ed è per questo che da più voci si leva la raccomandazione di non abbassare la guardia. 

Il Covid-19 continua a diffondersi in tutto il Mondo, Italia inclusa, e non appena si smette di usare le giuste precauzioni, ricomincia a fare vittime.

L’Iss e il  Ministero della Salute hanno avvertito che è “necessario realizzare un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi ed è necessario raggiungere una elevata copertura vaccinale e il completamento dei cicli di vaccinazione per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus». 

Variante Delta: Italia

La situazione in Italia riguardo alla diffusione della variante Delta non è diversa da quella di molti altri Paesi. Anche in Italia infatti la variante Delta si sta diffondendo a ritmi veloci soprattutto tra i giovani. In questo fascia della popolazione si presenta spesso in maniera asintomatica e per questo la diffusione viaggia molto più velocemente della Alpha. Inoltre l’allentamento delle misure di contenimento sociale, insieme alla diffusa credenza che la pandemia sia conclusa, ha fatto sì che gli indici Rt siano tornati a crescere in tutto il Paese.

Variante Delta: cosa fare

Dall’Organizzazione Mondiale della Sanità arrivano le raccomandazioni su come comportarsi per evitare di contrarre il virus e la Variante Delta:

- assicurarsi di avere le mani pulite

indossare una mascherina chirurgica o una FP2-FP3

- assicurarsi che la mascherina copra il naso e la bocca e di avere le mani pulite quando si indossa e si toglie la mascherina

- evitare gli spazi affollati e mantenere la distanza di sicurezza

- areare spesso gli spazi chiusi

- vaccinarsi

Variante Delta: vaccinazione

Ci si domanda se i vaccini, ad oggi disponibili, siano capaci di proteggere la popolazione anche dalle varianti del Covid-19. Walter Ricciardi, ordinario di Igiene generale e applicata all'Università Cattolica e consigliere scientifico del ministro della Salute Roberto Speranza, ha dichiarato che "anche se si è vaccinati si può essere infetti". Infatti sembra che la variante Delta sia capace di "bucare perfino il doppio ciclo vaccinale", perché "conferisce una certa protezione contro la malattia grave e l’ospedalizzazione" ma "nel 30-35% dei casi determina infezione anche nei soggetti che hanno fatto la seconda dose di vaccino, figuriamoci una sola".

La scorsa estate pensavamo di essere fuori dalla Pandemia ed invece con i nostri comportamenti abbiamo avuto un altro anno di morti, malati e pesanti restrizioni, il Covid -19 non è ancora un ricordo. Seguire le raccomandazioni dell’OMS e quelle che ci vengono date dagli organo preposti ci permetterà a settembre 2021 di non essere nella situazione del 2020.

CONDIVIDI SU: